Skip to content


Our bodies, our choice! Corpi liberati contro la violenza sulle donne

Continuano i contributi di corpi liberati contro la violenza sulle donne.

Siamo noi che decidiamo.  Noi diciamo come, dove, quando.

Il piacere è tutto nostro.

Contro il moralismo della retorica antiviolenza che ci vuole solo sante e vittime: THE RIOT MUST GO ON!!!

Altri contributi e appelli e appunti QUI, QUI, QUI, QUI, QUI, QUI, QUI, QUI, QUI, QUI, QUI, QUI, QUI, QUI. Il corteo continua.

Posted in AntiAutoritarismi, Comunicazione, Corpi, Iniziative, R-esistenze.

Tagged with , , , , , .


3 Responses

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

Continuing the Discussion

  1. Se si torna al femminile angelico e sacro (Toccami!) « Al di là del Buco linked to this post on 27 Dicembre, 2012

    […] e quando lo vogliamo, ma se ci toccate, accidenti, non ci rompiamo. No che non ci rompiamo. Toccateci, toccatevi, tocchiamoci tutti/e. Share this:TumblrGoogle +1LinkedInStampaEmailTwitterFacebookLike this:Mi piaceBe the first to like […]

  2. A chi giova la morte (politica) di Femminismo a Sud? « Al di là del Buco linked to this post on 25 Dicembre, 2012

    […] dalla definizione delle proprie esperienze personali. Il personal politico, di quello parliamo. Poi mi interessa anche che le vittime non siano santificate e che gli uomini tutti non siano criminalizz…. Ma questo per certa gente autoritaria è un crimine e […]

  3. L’esorcismo a cura del difensore della vulva (patriarca del terzo millennio) « Al di là del Buco linked to this post on 24 Dicembre, 2012

    […] esci dal suo corpo, quello di Vulva. Tu, padre redentore, redimi questa creatura indegna che pubblica cose zozze in giro per il web. Redimila e se ella insiste infibulala perché una infibulazione è quello che […]