Skip to content


Corpi liberati contro la violenza sulle donne (II°)

Ancora contributi (grazie!) al nostro corteo di corpi liberati contro la violenza sulle donne. Contro il moralismo della retorica antiviolenza che ci vuole solo sante e vittime, The Riot Must Go On [Guarda] [Guarda] [Guarda].

Partecipate numerose/i perché qui non si tratta più di fare una slut walk ma di riprendersi il diritto a godere e a scegliere la sessualità e la vita e la narrazione e la lotta che preferiamo.

Si tratta di non farci condurre all’altare delle agnelle sacrificali per una società che ha bisogno di martiri e tutori (dell’ordine).

Si tratta di noi più di quanto non immaginate. Perché noi siamo pelle, siamo vita, siamo scelta, siamo sangue, siamo rabbia, siamo pensieri sporchi e siamo tante cose che ci vengono negate.

Basta così. Basta con questa narrazione delle vittime affrante. Siamo donne, abbiamo vissuto e superato violenze, non odiamo nessuno, non ci sentiamo martiri e vogliamo avere il diritto a riappropriarci e vivere i nostri corpi senza che moraliste/i di passaggio ci dicano cosa dobbiamo farne.

Sapete come celebro io la solidarietà verso le donne che hanno subito violenza? Augurando loro di riprendersi la pelle e raccontarla e viversi la sessualità che scelgono e che vogliono senza che nessuno debba patologizzarle, in modo disonesto, per far quadrare il proprio piccolo mondo fatto di santi e demoni.

#BodyLiberationFront e se volete liberare un pezzo di corpo contro la violenza sulle donne per interrompere questa processione triste di crocifissi e fiaccole normative inviate il vostro messaggio contro la violenza sulle donne e un pezzo di corpo a fikasicula@grrlz.net (in versione Fuck-Zombie)

Posted in AntiAutoritarismi, Corpi, Fem/Activism, Iniziative, R-esistenze.

Tagged with , , , , .


One Response

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

Continuing the Discussion

  1. Corpi liberati contro la violenza sulle donne « Al di là del Buco linked to this post on 13 Dicembre, 2012

    […] secondo post con i primi contributi [QUI ne trovato un altro] viene scritto: Partecipate numerose/i perché qui non si tratta più di […]