Skip to content


Le ribelli della montagna

In questi giorni burrascosi, (forse) finalmente qualcun* inizia a cogliere il terribile risultato del mortifero abbinamento tra politiche di governo scellerate, discriminatorie e profondamente xenofobe e l’atteggiamento tenuto negli ultimi anni da vari esponenti dei media – da quelli mainstream agli ‘opinionist* de noartri’ – che in nome di una non ben definita ”apertura mentale” hanno permesso che il fascismo tornasse non solo a mostrarsi (che in fondo ‘l’italiano vero’ un po’ fascista, perlomeno dentro di sé, non ha mai smesso di esserlo), ma a farlo senza alcuna vergogna… Quasi fosse possibile riabilitarsi dalle macchie nere sparse sulla storia italiana di pochi decenni fa in un batter di ciglia, ripulirsi rifacendosi semplicemente il maquillage quando, ad una lettura attenta (che ahimé sempre meno c’è stata), il nocciolo della questione rimane sempre lo stesso, quel cuore di pece che non ha mai smentito la sua vera essenza.

Di melassa ho letto in questi giorni polemici, e quanto è vero che ne è caduta tanta, copiosa, veicolata da parole ambigue e inesistenti prese di posizione. E certo che in fondo, se non si va dritto al cuore del problema, se si naviga nelle acque sicure del qualunquismo, del politically correct, insomma, se per farla breve non si affrontano di petto le questioni più scomode e cogenti, ma ci si fa imbrigliare da quell’impensabile quanto realissimo fascino del fascismo, può capitare di sentire qualcun* affermare: “ massì, in fondo sono solo ragazzi, un po’ estremisti – come tutti i ragazzi – ma hanno anche tante buone idee”.
Personalmente sono stanca di sentire parlare solo di loro, sentire quant* e quali si sono erett* in loro difesa, per garantire il diritto di tutt* ad esprimersi – quali tutt* però mi domando… dal momento che ai laici, agli omosessuali, ai resistenti viene spesso e volentieri tappata la bocca, nella beatitudine generale – dimenticandosi di una Costituzione che dichiara ancora oggi a chiare lettere che “È vietata la riorganizzazione, SOTTO QUALSIASI FORMA, del disciolto partito fascista”.

Come è evidente, anche io sto faticando a riportare il pensiero verso altri lidi, lidi dei quali si parla poco o nulla, ma che reputo assai più importanti e degni di nota. E’ dei giorni scorsi la notizia che il Museo diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà, che ha sede  a Torino, rischia di chiudere nel 2012.
Perché nessuno alza la voce a difesa della Memoria che sta per essere ancora una volta cancellata?

Pezzetto dopo pezzetto, ma inesorabilmente, quanta Italia, dimentica e anche ingrata, ha senza rimorso alcuno permesso che il sacrificio dei partigiani, coloro che hanno lottato a prezzo della propria stessa vita per la libertà di tutt*, venisse man mano archiviato come “storia vecchia”?  Quanta ha permesso che il ‘giorno del Ricordo’ assurgesse a dignità posticcia proprio mentre il 25 aprile diventava semplicemente il giorno della gita fuoriporta?
Perché in questo Paese, nel quale i soldi per le “grandi opere” non mancano mai, e perché nello specifico in Piemonte, a Torino, dove grazie a Giunte di ‘sinistra’ gli euro sono sgorgati come da fonti miracolose per realizzare Siti Olimpici che pian piano si fanno cattedrali nel deserto e  allo stesso modo sarebbero generose allo scopo di realizzare tracciati di Treni ad Alta velocità di sicura inutilità e grandissimo danno, dicevamo, perché di colpo i fili della saccoccia vengono tirati per uno di quei luoghi speciali nei quali tutti, giovani e meno giovani, possono ancora sperimentare e dialogare con un passato da non dimenticare  per costruire un futuro migliore?
Il Museo della Resistenza è un posto difficile da spiegare a chi non lo ha mai visitato, e la sua particolarità risiede nel fatto che lì, all’interno delle sue sale, risuonano ancora gli allarmi che precedevano i bombardamenti della città, le registrazioni radiofoniche, le parole dei partigiani che rievocano le varie fasi del conflitto con l’ineguagliabile voce di chi l’ha vissuto… le speranze, la paura, le sconfitte e l’esplosione di gioia, la solidarietà, la forza.

Una forza invidiabile che nessuno di noi, qui e oggi, può dire di conoscere: ed è perciò bene andare, di quando in quando, ad ascoltare di nuovo quelle testimonianze, capaci di ridare il giusto valore alle cose della vita. Loro sono lì che ci aspettano.

Quello che il Museo offre è un’esperienza, visiva, uditiva e tattile incomparabile, un incontro – scontro con una realtà che appare lontana nel tempo e nello spazio ma che poi così distante non è, come gli avvenimenti attuali ci hanno dolorosamente mostrato.
Quasi a segnare la gravità di quello che sta capitando, proprio in queste ore, è giunta la notizia della morte dell’ennesimo Partigiano, Lino.

Lino, nelle parole di una meravigliosa sorella femminista che lo conosceva “aveva l’aspetto e l’atteggiamento di quei nonnini dolcissimi e buoni come il pane, sempre molto gentile ed educato. Più che del passato con lui parlavo sempre dell’importanza dell’antifascismo oggi. Lui, come molti altri, riteneva importantissimo andare nelle scuole a raccontare cosa erano stati il fascismo, la guerra e la resistenza… La memoria, per non dimenticare ciò che é stato, affinché il nazifascismo e tutto quello che ne è conseguito non possa più esistere. La loro paura é l’oblio, la rimozione dalla memoria storica e collettiva, non tanto per quello che hanno fatto loro ma appunto per quello che “é stato” e la consapevolezza che purtroppo il fascismo non è affatto morto e che quindi l’antifascismo debba essere una pratica militante quotidiana. Lui e gli altri della sezione ci dicevano sempre che ora toccava a noi, che avremmo dovuto continuare la loro lotta e noi ovviamente gliel’abbiamo promesso, perché é quello che riteniamo giusto e doveroso fare, é quello che abbiamo sempre fatto e faremo sempre e sopratutto sarebbe impensabile non fare.”

Alla luce di questa preziosa testimonianza ripenso alle parole di qualcun* di quell* che in questi giorni ci hanno dato delle “pazze”, poiché ancora parliamo di Resistenza, e di Partigiani. Saremmo dunque pazze a dar credito alle parole ascoltate, spesso in prima persona, da persone eroiche che nel proferirle ci hanno chiesto di non dimenticare? Noi non dimenticheremo, è una promessa, e rivendicheremo sempre con orgoglio il nostro sentirci nel profondo del cuore partigian*: poiché lottiamo con tutte le nostre forze contro il fascismo, quello che vediamo a briglia sciolta prendere piede nel nostro paese, come quello che ognun* di noi si porta dentro – risultato di un’immersione continua e costante in un contesto sociale, politico e culturale (!) che stimola e favorisce l’odio per coloro che osano mettere in discussione la norma – o che semplicemente, chiedendo pari diritti per tutt*, di fatto andrebbero a ledere il privilegio di pochi – che dà un prezzo a tutto e relega la solidarietà a passatempo per idioti.

Addio Lino, e grazie!

Posted in R-esistenze.


One Response

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

Continuing the Discussion

  1. Le ribelli della montagna | aldo ricci blog linked to this post on 27 Dicembre, 2011

    […] IL Museo della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà di Torino, rischia di chiudere nel 2012. […]