Skip to content


Il decalogo del terremotato (e della terremotata) consapevole

Da Infoaut:

Comunicato del Comitato 3.32 dell’Aquila ai terremotati

1) Non disperdetevi come comunità e non fatevi mettere gli uni contro gli altri;

2) Restate in sicurezza, ma non lasciatevi allontanare dalle vostre case e dalle vostre proprietà;

3) Non fatevi rinchiudere in campi recintati con la scusa di essere protetti;

4) Mantenete la vostra consapevolezza e autonomia;

5) Vi convinceranno che non siete autosufficienti e proveranno a ospedalizzarvi: non lo permettete! Ogni gesto quotidiano deve restare vostro;

6) Non fatevi raccontare dai media quello che vi succede, siate protagonisti dell’informazione e diffondetela voi, i mezzi non mancano;

7) Chiedete da subito controllo e trasparenza sulla gestione di tutto quello che vi riguarda: solidarietà, aiuti, fondi ecc.

8) Fate che l’emergenza non diventi lungodegenza: ai commissari fa comodo, alla vostra comunità no;

9) Pretendete di partecipare da subito a ogni scelta sul vostro futuro;

10) Non lasciate devastare il vostro territorio con la scusa della ricostruzione.

Insomma, nonostante tutto quello che vi diranno sulla solidarietà, ricordatevi che per qualcuno il terremotato è da spolpare: occhio a sciacalli e avvoltoi!

Leggi anche:

Dal Basso alla Bassa (appelli, bilancio, raccolta aiuti dal basso)

#terremoto: nuove speculazioni e quelle morti di cui si tace la nazionalità

Posted in Iniziative, Omicidi sociali.


One Response

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

Continuing the Discussion

  1. Marcia legalità (contro ignoti) « Valerio Mele linked to this post on 30 Maggio, 2012

    […] follia generale, anche il terremoto in Emilia sembra essere diventato qualcosa o qualcuno da […]