Skip to content


Pussy Riot: vergine, diventa femminista!

Le Pussy Riotgruppo punk femminista russo – all’assalto della cattedrale di Mosca. Prese, multate e via così. Brave loro.

Questa la traduzione del testo (grazie a Gilda)

(coro)
Vergine, vergine, scaccia Putin,
scaccia Putin, scaccia Putin.
(fine coro)

Tonaca nera, spalline dorate
Tutti i parrocchiani strisciano in adorazione
Il fantasma della libertà è nei cieli
Il Gay Pride mandato in Siberia in catene.

Il capo del KGB, il loro Santo capo
Conduce i manifestanti in carcere sotto scorta
Per non offendere il Santo
Le donne devono partorire e  amare.

merda, merda, merda del padrone (Signore)

(coro)
Vergine, Vergine diventa femminista
diventa femminista, diventa femminista
(fine coro)

Lode religiosa di condottieri putrefatti
Processione di limousine nere
Viene da te a scuola il predicatore
Vai a lezione-portagli i soldi

Il Patriarca Gundyaj
crede in Putin, sarebbe meglio credesse in Dio, credeva
La cintura della vergine non sostituisce le manifestazioni
A protestare con noi c’è la sempre vergine Maria

(coro)
Vergine, vergine scaccia Putin
scaccia Putin, scaccia Putin
(fine coro)

Posted in Fem/Activism, Iniziative.


9 Responses

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

  1. Chiara Lo Scalzo says

    Gesù era femminista! Nonché uno dei più grandi incompresi…

  2. retedellereti says

    è un bellissimo testo, non trovate? sulla musica le ragazze devono farsi ancora un po’ le ossa, ma in quanto a soggetti, teatralità, efficacia.. e coraggio, non sono seconde a nessuna.
    Guardate anche questo http://youtu.be/BAKEvwTqmkg
    e un invito a questo evento: https://www.facebook.com/events/356373304438285/
    ciao 🙂

  3. mancina says

    @ massimo
    piu che intrigare e’ un dato di fatto…almeno per i cristiani, o i credenti in genere, scritto e certificato nei vangeli e predicato dal pontefice, per noi donne, che siamo creatrici, , siamo ben consapevoli di essere noi Dio 🙂

  4. Massimo says

    L’invocazione alla vergine potrebbe benissimo essere coerente con il femminismo.
    Del resto non vi intriga l’idea che una donna sia stata proclamata “Madre di Dio”?

Continuing the Discussion

  1. L’incredibile motivazione della sentenza contro le Pussy Riot « Elena linked to this post on agosto 18, 2012

    […] Pussy Riot: vergine, diventa femminista! […]

  2. #FreePussyRiot dal carcere, da Putin e dai fascisti « casomai linked to this post on agosto 17, 2012

    […] Le Pussy Riot con le loro azioni beffeggiano i poteri forti, sfidano la morale e sono libere nel pensiero e nelle azioni. Quello della cattedrale è forse il loro atto politico più chiaro. Con una sola azione hanno infatti manifestato contro Putin, incarnazione del potere (non solo) politico in Russia, e contro la Chiesa Ortodossa. Lo Stato e la Chiesa, i due centri del Potere patriarcale per eccellenza. Ma le Pussy Riot fanno ancor di più: rigettano di avere come interlocutori il potere temporale e religioso del Patriarcato e si rivolgano ad un’altra donna, come osserva Alessandra Pagliaru nel suo blog. E nella loro preghiera punk chiedevano alla Madonna di cacciare Putin e di diventare anche lei femminista. […]

  3. free Pussy Riot « Gli occhi di Blimunda linked to this post on agosto 17, 2012

    […] cambiare di segno una specifica e connotata ribalta. E rivolgendosi non a Dio né ai Patriarchi; la loro interlocutrice – seppure in una preghiera pagana e inconsapevole – è stata la Vergine M…. È a lei infatti che si sono rivolte a gran voce per domandarle la liberazione da Putin. Al di là […]

  4. Russia: la resistenza punk all’oscurantismo di Putin | agora-vox.bluhost.info linked to this post on marzo 7, 2012

    […] religioni, come hanno fatto nella cattedrale di San Basilio. Che per di più hanno riempito di liriche che non hanno mancato di apparire blasfeme agli occhi dei fedeli. Anche loro e le loro compagne […]

  5. La sfida punk al medioevo russo « Mazzetta linked to this post on marzo 7, 2012

    […] religioni, come hanno fatto nella cattedrale di San Basilio. Che per di più hanno riempito di liriche che non hanno mancato di apparire blasfeme agli occhi dei fedeli. Anche loro e le loro compagne […]