Skip to content


Il Feminist Blog Camp è roba vostra (accattativillo!): si riparte dall’autofinanziamento!

Care, cari, l’estate è quasi finita, vi siete riposat*, un pochino pure noi, si fa per dire, che nel frattempo abbiamo fatto altro. C’è chi ha presidiato il web contro il sessismo che non si è fermato mai, chi ha presidiato luoghi reali contro il potere che mentre il mondo va in vacanza tenta comunque di non farci dimenticare in quale nazione viviamo. Chi ha combattuto, resistito, chi ha sognato e lottato. Chi ha parlato, urlato, pensato, progettato, lavorato. Chi per qualche attimo ha riposato e chi ha immaginato di portare progetti e idee all’iniziativa che stiamo costruendo tutte assieme, attraverso una mailing list e i mezzi che la tecnologia ci offre, per inventarci un momento in cui condividere saperi e pratiche e lotte, guardandoci negli occhi, strette tra sorellanze e alleanze con chi tra gli uomini, nostri compagni di percorso, diserta il patriarcato.

Ci siamo sempre, ci siamo tutt* e si ricomincia, anche perché non si è mai smesso, a partire dall’incontro del 21 settembre ore 21.30 all’Askatasuna, chiamato dalle compagne del Laboratorio Sguardi Sui Generis che ha adottato il Feminist Blog Camp, rivolto a chiunque voglia partecipare, le blogger e i blogger, chi ha qualche sapere da condividere e chi non ha mai visto un computer in vita sua e vuole imparare o vuole semplicemente ascoltare o raccontarci come si fa una buona marmellata di frutta, che di marmellate di frutta di questi tempi c’è tanto bisogno.

Chiunque sappia qualcosa che vuole conoscere e condividere può passare al Feminist Blog Camp e alle tre giornate di workshop che a giorni riordineremo in un programma unico e chiaro, alle serate di intrattenimento e iniziative e ai momenti di condivisione delle lotte e delle speranze di tante donne, belle, coraggiose, che tutti i giorni si spendono per se stesse e le altre, e di quegli uomini che segnano il passo ai tizi dalla mascolinità stantìa e procedono orgogliosi consapevoli di rappresentare il futuro.

Si riparte con la comunicazione a partire dall’appello principale che trovate anche in inglese, francese, spagnolo e tedesco, tutto grazie al contributo di chi parteciperà. A partire da un numero di telefono per giornalisti/e: 3425510325 che attraverso quei contatti potranno essere guidat* nei meandri di questa bella iniziativa.

A partire dall’invito a scrivere per segnalarci disponibilità di posti letto o se avete bisogno di un posto per dormire (scrivete a feministblogcamp[chiocciola]grrlz.net). Sapendo che, per chi vuole già prenotare, l’evento avrà inizio il venerdì 28 ottobre (poi prosegue il 29 e il 30) e che per tre giornate sarà un momento ininterrotto di incontri e workshop in cui tutte e tutti faremo autogestione di ogni cosa ci sarà da gestire.

Per chi può arrivare prima ovviamente sarà bello che ci siate per dare una mano, spostare, montare, costruire quello che abbiamo inventato tutte assieme dal primo momento fino ad ora e nel frattempo, cosa non meno importante, anzi, possiamo mettere mano alla borsetta sciccosa o alla taschina del jeans e tirare fuori, ciascun@ di noi, due/tre/quattro/cinque euri per cominciare a dare fiato all’autofinanziamento, a partire dall’anticipo che dobbiamo ai ragazzi che faranno le bellissime magliette del Feminist Blog Camp che potrete trovare nei migliori banchini militanti di Torino e dintorni e in tutta Italia quando li porteremo con noi nelle nostre scatole di cartone di terrone in trasferta.

Comunicateci se avete in mente di fare iniziative, banchini di raccolta per il Fem Blog Camp, se intendete fare qualunque iniziativa di lancio del Fem Blog Camp in giro per l’Italia. E noi elencheremo e diffonderemo tutto.

Ci serve subito mettere assieme 550 euro per fare le magliette che ci serviranno per autofinanziare altre mille cose che ci serviranno. Se riusciamo a metterle assieme prima possibile avremo fatto un passo avanti e il Feminist Blog Camp sarà sempre più vicino.

Per ringraziare tutte e tutti inventeremo all’Askatasuna una speciale “stanza della riconoscenza” in cui potranno avvenire mille strane cose. Portatevi dietro le ricevute dei versamenti e chiedete di FikaSicula… e non vi dico altro. 😛

Potete versare i soldini:

su postepay n° 4023 6006 0997 8681 intestata a Camilla Rebora.

Vi aspettiamo in tantissim* e soprattutto si riparteeeee :DDDD

Grrrl Rulez!!!!!

Per ricordare:

Se avete un blog, un sito, uno spazio online potete iscrivervi alla mailing list di coordinamento: http://www.autistici.org/mailman/listinfo/blogfemministi

Se volete contribuire, proporre, partecipare, chiedere informazioni o segnalare il numero dei partecipanti per consentirci di organizzare i luoghi in cui si dormirà, potete scrivere afeministblogcamp[chiocciola]grrlz[punto]net

Se siete su facebook potete trovarci qui: http://www.facebook.com/FeministBlogCamp?ref=ts

Su Twitter: http://twitter.com/#!/FemBlogCamp

Il Wiki (lo strumento di elaborazione collettiva e di scrittura partecipata di costruzione del Feminist Blog Camp): http://www.inventati.org/femblogcamp/

Il numero telefonico per contatti con i giornalisti e le giornaliste: 3425510325

Posted in Autoproduzioni, Fem/Activism, Iniziative, R-esistenze.


One Response

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

Continuing the Discussion

  1. Fem Blog Camp: accattativillo! « Malafemmina linked to this post on 15 Settembre, 2011

    […] Tutte le informazioni e il conto postepay per contribuire alla costruzione del Fem Blog Camp potete trovarli in un post del blog Femminismo a Sud. […]